I censori ipocriti di Cecil il leone


 I censori ipocriti di Cecil il leone

di ROSANNA MARANI

 cecil_leone_zimbabwe

 

 

La banalità della rete è deprimente. I tuttologi, grandi mistificatori, quei tipi che ostentano indebitamente competenze nei campi più disparati della società, si sprecano in aut aut ridicoli quando vogliono stigmatizzare le inclinazioni morali altrui per mettere il bavaglio al sentimento altrui.

Fermo restando che loro, si quelli che si domandano per esempio, “perché tanto clamore per Cecil il leone decapitato a pagamento e “ non tanto clamore per un bimbo siriano?” oppure, “chi salveresti tuo figlio o un topo?” o ancora “perché dedicarsi all’ambiente o agli animali e non agli anziani o ai disoccupati?”, sono i primi a fermarsi sulla cresta dell’onda, vogliono vincere like facili sulle loro bacheche, ma sono assolutamente incapaci e restii a tuffarsi nel mare del male.

Il male non ha confini, non ha schemi ma una sola radice, la crudeltà verso la vita. Quindi della crudeltà verso l’uomo, le donne, i bambini, i vecchi, i disoccupati, gli animali, l’ambiente.

La vita non la si sminuzza in tante sottocategorie, ovvero non si lotta per la sua bellezza a capitoli o a parametri. Se ci si impegna alla sua tutela, si prova empatia, compassione, pietà, amore per ogni vita e per l’ambiente dove questa vita vive.

Ma tant’è. Inutile sprecare suggerimenti per queste coscienze che vanno a stantuffo e soprattutto vanno, per catechizzare i comportamenti simili al proprio (che si sa i comportamenti più popolari sono quello massificati di chi non agita le onde cerebrali ma le patisce, anzi, quel chi, sta bene attento a non smuoverle, perché potrebbe addirittura avere una erezione di pensiero), dove porta la notizia del momento.

E la notizia del momento è sempre quella che urta l’intelligenza emotiva di colui che fortunatamente la prova e soddisfa invece, gli istinti più ipocriti di chi si erge a censore ben visibile, a tante bocche spalancate, sul predellino del nulla.

– See more at: http://www.lindipendenzanuova.com/i-censori-ipocriti-di-cecil-il-leone/#sthash.OSBgApnO.dpuf

Annunci

Informazioni su Rosanna Marani

@RosannaMarani Per sapere chi sono stata http://it.wikipedia.org/wiki/Rosanna_Marani http://www.storiaradiotv.it/ROSANNA MARANI.htm Per sapere chi sono...chiedimelo Il mio motto Possiedo da spendere la sola moneta del mio sono. Ho investito il mio ero e non so se il mio sarò, potrà fruttarmi l'interesse ad essere.
Questa voce è stata pubblicata in Animali, Articoli, Civiltà, Divulgazione, Editoriali, L'Indipendenza Nuova, Rispetto per la vita, Segnalazione e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a I censori ipocriti di Cecil il leone

  1. Rosanna Marani ha detto:

    Commenti in rete
    • Alessandro Tonet Bellissimo scritto, mi inchino.

    • Ilaria Celestini sono pienamente d’accordo, Rosanna hai ragione, “la vita non si sminuzza in sottocategorie” ,purtroppo c’è gente dalla mentalità così ristretta che non riesce a capire che l’amore è universale, ed è perfettamente legittimo e possibile amare sia la vita di un essere umano, sia quella di un animale, sia l’ambiente, il creato, la natura, l’arte, la dignità di tutte le dimensioni della vita… peggio per loro, non sanno quello che perdono a vivere di aut-aut, invece che abbracciare con il cuore la totalità dell’essere…

    • Rosanna Marani Grazie Alessandro Tonet!!!!!!!!

    • Rosanna Marani Concordo Ilaria Celestini, è così, L’universo è uno come l’amore, come ogni sentimento. I distinguo o le etichette vanno impresse sulle cose non sulle persone..

    • Domenico Papaleo Applausi

    • Laura Bianco Concordo con te

    • Lavinia Andreini Brava! Pensieri che si incontrano in pieno accordo !

    • Rosanna Marani Grazie Domenico Papaleo

    • Rosanna Marani Grazie Laura Bianco

    • Rosanna Marani Grazie Lavinia Andreini

    • Gioia Trieste L’importante e’ non lasciarsi imbavagliare i propri sentimenti da qualsivoglia tuttologo….. e continuare ad amare ogni vita.
    Brava Rosanna!

    • Rosanna Marani Grazie Gioia Trieste

    • Daniela Luisi Bravissima….

    • Rosanna Marani Grazie Daniela Luisi!

    • Tonia Sturniolo ..brava !!..e se permetti condivido…

    • Rosanna Marani Acciderbolina Tonia Sturniolo! Certo che si! Grazie

    • Maria Grazia Ferrario Sono d’accordissimo con te, Rosanna, grazie

    Rosanna Marani Grazie Maria Grazia Ferrario.

    • Maria Teresa Infante Concordo in pieno Rosanna, si va dove va il gregge, si urla al lupo al lupo senza avere propri pensieri e credi: banderuole alla moda del momento

    • Rosanna Marani Grazie Maria Teresa Infante

    • Giuseppina Samoggia Grande Rosanna! I love you!

    • Giuseppina Samoggia Aggiungo: una disgraziata in rete pubblica foto dei suoi safari gloriandosi di avere ucciso magnifici esemplari di animali rari o addirittura protetti in paesi africani dove basta pagare e …puoi uccidere anche la nonna non solo la giraffa…faccio un post in proposito; ebbene, immediatamente il commento tranchant: e non vi vergognate voi che NON siete vegani a consumare carne di animali che sono stati vivi ecc ecc…? Con tutto il rispetto ( vero) che ho per i vegani, ditemi voi….ci vuole una grande pazienza!

    • Rosanna Marani Grazie Giuseppina Samoggia

    • Giulio Boldrini
    Bravissima Rosanna…sono completamente d’accordo con il tuo articolo…purtroppo siamo circondati da questa gente!

    • Giorgia Baratta
    Condivido in pieno!! Quanta gente stupida e ipocrita c’è in giro.. Brava Rosanna e complimenti per quello che fai.

    • Rosanna Marani Grazie signore e signora!!!!!

    • Raffaela Vergine
    Una Verità di cui non andar fieri. Brava Rosanna Marani come sempre le tue considerazioni sono obiettive e corrispondenti ad una realtà che a te non sfugge, l’amara realtà.

    • Rosanna Marani
    Grazie Raffaela Vergine

    • Marina Pratelli
    Rubo da Nadia Mogni il suo reblogged. Perché sono assolutamente d’accordo con chi lo ha scritto.
    Non poteva farlo meglio. Nemmeno io avrei potuto esprimere così bene i miei pensieri. Chi ama la vita la ama in ogni forma, colore, alito ed essenza.
    Magari ama meno di altre identità la propria, esattamente perché ci sono priorità, per chi ha il difetto imperdonabile dell’empatia e soffre d’intelligenza emotiva. Mi sono scocciata dei moralisti da tastiera per i quali preoccuparsi della sorte di un animale è peccaminoso rispetto al preoccuparsi di quella di un bambino. Di chi si erge a difensore dei diritti italiani rispetto a quelli Umani in toto.
    E così via… E basta, per la miseria! Basta riempirsi la bocca e le dita di banalità e bigotterie e impiastricciare gli spazi altrui di commenti critici non richiesti. Basta! Basta empatia a metà, a zona come la dieta.
    Forse soffrirò di delirio di onnipotenza ma davvero vorrei che tutti si “salvassero”…
    Il leone Cecil e l’anziano che fruga nell’immondizia per mangiare. Il gay massacrato dal branco e i bambini siriani trucidati in nome di un dio. I cani e gatti abbandonati, maltrattati e uccisi e chi si suicida perché non ha lavoro…
    Il topo di laboratorio (sic) e il malato.
    Dopo mille battaglie soprattutto con me stessa, voglio stare dalla parte degli indifesi, degli ultimi.
    Senza menate religiose, così, per simpatia.
    Posso permettermi? Posso sognare e illudermi che l’amore, la compassione, il soccorso, il dolore non facciano distinzioni di genere, razza e specie?
    La democrazia desidera libere esternazioni di pensiero. E libere azioni, se non nuocciono a chicchessia.
    Per tutti. Quindi resterò tenacemente così, anche senza permesso.

    • Nadia Mogni E’ un articolo di Rosanna Marani, nota giornalista e scrittrice che io seguo con molta stima e affetto.

    • Marina Pratelli Non la conoscevo, finora… Ignoranza mia, che grazie a te ho potuto emendare.

    • Rosanna Marani Grazie Marina Pratelli e grazie mille Nadia Mogni!

    • Marivana Viscuso ragione da vendere grazie per una analisi chiara e coincisa quanto implacabile.

    • Rosanna Marani Grazie Marivana Viscuso.

    • Clarissa Bartali Finalmente su quanto scritto e letto, mi trovo in pieno accordo. la penso allo stesso modo, quindi non mi dilungo. E per il leone ucciso ho urlato contro quell’infame che ha ritenuto un bel gioco uccidere un componente necessario per il nostro ecosistema. Con stima, chi solitamente sta di più dalla parte degli umani, ma letto questo post posso solo dire : sono d’accordo!

    • Francesca Zunino Chi sente empatia e coinvolgimento per un leone la sente anche per un bimbo …
    Non settorizzate più la pietà , non è a compartimenti stagni , e’ totale … O la si prova o non c’è nulla da fare..
    Chi non avrà pena di un animale maltrattato non sentirà nulla neppure difronte agli occhi di un bambino affamato perché la sua anima e’ arida spenta…

    • Marina Pratelli Si, proprio così. È tanto difficile da capire? Alle volte mi cadono proprio le braccia, Francesca… quando mi imbatto negli stereotipi del cosiddetto “buon senso da bar” che colloca ogni emozione e sentimento in caselle catalogate per priorità che chissà chi ha stabilito.

    • Rosanna Marani Grazie a tutte voi.

    Liked by 2 people

  2. Evaporata ha detto:

    L’ha ribloggato su EVAPORATA®e ha commentato:
    L’amica Rosanna ha una visione sobria e ben chiara di questo fatto e io la condivido volentieri.

    Mi piace

  3. PaoloRosazzaP. ha detto:

    Sono in sintonia perfetta. La Rete e i suoi Social il più delle volte sono la cassa di risonanza dell’Idiozia media di infima tacca. Altro aspetto correlato è il cosiddetto “Benaltrismo”, un nemico oscuro e onnipresente, endemico nei poveri di spirito. PaoloRP

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...