LETTERA PER L’UOMO MIO DILETTO


LETTERA PER L’UOMO MIO DILETTO

LETTERA AI MIEI CARI

PER TE

Amore e Psiche, Canova

Luglio 1972 Gennaio 2015

Uomo mio diletto,

io non ti conosco, io ti percepisco.

Scrivere di te, a te, è l’abbandonarsi all’autoerotismo emotivo.

Tu governi e dirigi i miei impulsi vitali alla bellezza.

Tu esisti dove io resisto.

Anche in questo ghiribizzo di parole di sensi che si dimenano allegri e accesi, dentro l’evocazione di te.

Il tuo te, il mio me, vivono inanellati da quell’attimo gamete del tempo del nostro tuffo in noi, in quel mondo parallelo perfetto, che diniega alle nostre scorie caratteriali, di appropriarsi dell’abitudine ad essere.

Loro, noi di noi, si accordano persino nel sospiro sincrono, di attrazione.

Creano vivide linee di intesa perenni.

Si effondono in concentrici sbuffi di inclinazione ammirata l’una verso l’altra.

Tracciano segmenti eccitati di attesa, quell’attesa di sguardi che colano, da impercettibili ma brucianti palpiti di ciglia, per appartenersi d’istinti seppur distanti, d’istanti indistinti.

Loro, il tuo te, il mio me, sono compenetrati nel significato intarsiato di noi, come cognizione sensitiva speculare.

Si crogiolano nel magma dell’odore delle nostre identità contigue, dove tramutarsi in fili di sensazioni tanto ingarbugliate in essi, da non riconoscere né il capo, né la coda.

Nel gomitolo di possesso di noi stessi, liberi da noi stessi, autonome schegge individuali, acciarini di rammendo delle nostre pulsioni complici che rende la lontananza temporale titubante, adombrata, offesa dalla consapevolezza che tu privo di me non sei te, che io priva di te, non sono me.

Il succo della nostra pelle, è nell’orbita sussultoria delle contrazioni che lamano il cervello, quando esplosi noi due insieme, si svela a te, il segreto di me, a me il segreto di te.

Un segreto che scorre nel sangue di una radice piantata nella terra.

E che ha fatto di questa terra, la sua patria.

La sola che possa offrire l’origine, a noi insieme, non più apolidi individui solitari ed errabondi nella landa della sopravvivenza, la cittadinanza di amanti.

Rosanna, la Donna tua

Advertisements

Informazioni su Rosanna Marani

@RosannaMarani Per sapere chi sono stata http://it.wikipedia.org/wiki/Rosanna_Marani http://www.storiaradiotv.it/ROSANNA MARANI.htm Per sapere chi sono...chiedimelo Il mio motto Voglio essere ieri fino a quando non saprò chi sarò domani, mentre imparo chi sono oggi!
Questa voce è stata pubblicata in Amore, Dedicato, Divulgazione, Emozioni, I mie cari, I miei cari, Lettere, Libertà, Riflessioni, Ringraziamenti, Risposte, Segnalazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a LETTERA PER L’UOMO MIO DILETTO

  1. Amare è un dono del Cielo.
    Saperlo esprimere, un dono ancor più grande.
    Farne un’Opera, mutare un sentimento tra due individui in una espressione profonda di Umanità è un privilegio, ed è un privilegio poter godere del riflesso di quest’Opera.
    L’Arte è questo, la capacità che alcuni individui hanno di incarnare, attraverso la loro sensibilità e la loro storia, un intero Umanesimo, e darcene l’accesso.

    Voglio citare soltanto la chiusa, emozionante e limpida come cristallo, indubitabile come un’icona:

    «Un segreto che scorre nel sangue di una radice piantata nella terra.
    E che ha fatto di questa terra, la sua patria.
    La sola che possa offrire l’origine, a noi insieme, non più apolidi individui solitari ed errabondi nella landa della sopravvivenza, la cittadinanza di amanti.»

    Tutte, tutti noi ci sentiamo ora cittadini di questa Nazione, noi che amiamo, noi che innamorate e innamorati saldiamo la nostra vita alla vita di una persona che per noi è il Tutto, il Sempre, l’Ovunque.

    Grazie, Rosanna!

    Marianna

    Mi piace

    • Rosanna Marani ha detto:

      Sono oltremodo felice di quanto affermi, a chiosa delle mie emozioni che mi ostino cocciutamente a tradurre in parole. Descrivi con incanto quella parte di me che tu mi fai conoscere, poiché io non posso vederla, ma solo sentirla. Grazie a te Marianna.

      Mi piace

  2. piccoleparole ha detto:

    Intensa, come tutto ciò che scrivi!

    Mi piace

  3. Rosanna Marani ha detto:

    Lettera per l’Uomo mio diletto

    Mi piace

  4. Rosanna Marani ha detto:

    alfredopetrone ‏@giogioso
    Rosanna la tua descrizione è penetrante. Brava.

    Mi piace

  5. alfredopetro ha detto:

    Rosanna ti ho mandato un tweet ma occorre ben altro per vivere le tue poesie che sanno descrivere l’amore uomo donna, con dialoghi quasi impercettibili e come tali attimi di quel momento di una improvvisa estasi, perchè ci fa uscire dai noi stessi per raggiungere l’altro. Intimità grandiosa. Brava Rosanna, ho bisogno di dirtelo. Alfredo

    Mi piace

  6. Rosanna Marani ha detto:

    Grazie Alfredo, mi inorgoglisci e mi appaghi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...