P’ossessione Recensione di Marina Salvadore Diva Proésia


P’ossessione Recensione di Marina Salvadore Diva Proésia

Acciderbolina, Marina! Ma è uno spettacolo di recensione!! Grazie è persino poco!!

E se da domani non mi chiamano tutti, Diva Proésia, non rispondo, recalcitrante a scendere dall’Olimpo dove mi hai allocata!!!!

http://blog.libero.it/lavocedimegaride/12616971.html

Diva Proésia

Post n°1823 pubblicato il 20 Gennaio 2014 da vocedimegaride

di Marina Salvadore

Copertina

Pur amandola, la Poesia, ho sempre diffidato dei suoi tanti narcisi aedi e cantori, soprattutto contemporanei. Per i miei trascorsi di lavoro nel giornalismo e nello spettacolo, spesso mi sono trovata in situazioni al limite del grottesco, invischiata in kermésse di dubbio gusto, laddove attempatissime signore, abbigliate di veli ed a piedi scalzi, piroettavano leggiadre intorno al fuoco di improvvisati sabba pseudo-culturali o sui bordi delle piscine, alle feste nelle ville dei ricchi, in Versilia, declamando come forsennate versi orrendamente copiati a D’Annunzio, a Garcia Lorca ed altri osannati dall’intellighentia media.

Il mio maestro è stato un poeta semplice, ruspante, Romano Battaglia; un uomo forte come la quercia e fragile d’animo come la poesia che sapeva cogliere d’intorno, da ogni cosa delicata: da un filo d’erba cresciuto sull’uscio della sua casa di Pietrasanta, al crostino di pane intinto nell’olio di frantoio, per intenderci…

Immaginate, ora, nelle loro performances, tutte queste indiavolate “poetesse” da week-end, esasperare al massimo i loro gorgheggi, le loro drammatiche invettive nell’improvvisata, casereccia teatralità e disperata gestualità, per colpire, attrarre, sedurre intellettualmente quel brav’uomo di Battaglia! Dalla Versilia, alla Lombardia, all’Emilia, numerosissime erano queste congreghe di assatanate che ci ospitavano; molti di questi personaggi li ritroverete immortalati in alcune cronache versiliesi o nelle celebri “Lettere al Direttore”, pubblicate da Romano Battaglia nel corso della sua cospicua produzione letteraria..

Durante una “Versiliana” – credo dell’87 – nel suo celebre “Caffè” letterario, al quale collaborai per due edizioni, ricordo che si tenne anche la finale del locale Premio Carducci, con la proclamazione dei vincitori e – stracca di poeti e poetesse di cui sopra – feci l’impossibile per avere sul palco l’ultimo in graduatoria tra gli ultimi poeti valutati dalla illustre commissione di esperti, con grande stupore di questi ultimi alla mia “originale” richiesta.

Lo feci, sinceramente, per alleggerire un po’quel clima pesante, ridondante di disgrazie, dolori, dramma, depressione, psicopatie in versi baciati e mordicchiati, declamate per l’intero pomeriggio e sera di un’estate terribilmente torrida!

A parte la cinquecentesca Vittoria Colonna che ebbe l’ardire di firmarsi, laddove poetesse, pittrici ed altre artiste dell’epoca dovevano celarsi dietro un falso profilo maschile, il salto per arrivare alla contemporanea Alda Merini, a parte rarissime eccezioni, è classicamente un volo lungo secoli sul deserto al femminile, sull’assenza delle donne nelle arti; prerogativa dei maschi, come il sacerdozio, il governo, il lavoro, il sesso, lo sport e persino la scienza. Rarissime sono, infatti, le donne che sono riuscite ad emergere e ad avere successo; per contro, ne troviamo migliaia, in diverse epoche, bruciate sui roghi e ciò ch’era d’impronta femminile – accade ancora oggi – doveva essere obliato o censurato o svilito, com’è accaduto alla bella e saggia sirena Partenope, patrona della mia magnifica città e apportatrice di civiltà e cultura, sostituita dal bècero Pulcinella che, pure, ai suoi esordi non era il rozzo villano ignorante che, oggi, è ben strumentale all’abietta situazione in cui “conviene” tenere Napoli.

Chiedetelo ad Ottorino Gurgo che così si è sfogato nel suo meraviglioso “Ammazziamo Pulcinella”! Dunque, io amo Parthenia, Ligeia e Leucosia, le tre sirene cantate da Licofrone, il poeta… e aspetto da sempre di poter udire la voce e la saggezza della mia “santa trinità”di genere… mitocondriale.

In quest’attesa, piena di fastidiosi input e confusi arzigogoli barocchi prodotti da gente per lo più disturbata mentalmente e priva del minimo sindacale di “cultura”… o, di consapevolezza, l’eco lontana di Diva Proésia, altra regina di un altro mare; quello, virtuale mi ha “accesa” di rinnovata speranza.

Proésia canta e scrive solo quel che pensa e vive, senza inganno, senza odiose rime sibilline, senza inutili orpelli lessicali, senza esasperate nozioni di metafisica, senza autocompiacimento.

Aaah! Diva Proésia è libertà, è nobiltà, è bellezza!

La sua lunga, preziosa collana è fatta di perle di saggezza, di emozioni, di carnalità, di spiritualità, di vita; perle che ondeggiano sul suo petto che si leva e si abbassa al ritmo delle maree, al pulsare delle stelle. Alla Vita!

 Che grande sorpresa scoprire che Diva Proésia è Rosanna Marani, una giornalista ed autrice che da lungo tempo seguo con interesse, da dietro lo schermo di un p.c. – come attraverso l’oblò di un sommergibile – per il suo dinamismo mentale, le sue performances, le sue passioni. La sua genuinità e schietta femminilità.

Continuerò a chiamarla Diva Proésia, collocandola sull’altare votivo a Partenope, sorto sull’ara sacrificale di mille alle altre donne di tutti i secoli, cui hanno strappato la lingua e tagliato le mani.

Per la prima volta, dopo anni, avrò il piacere di acquistare il libro di una poetessa, “P’ossessione” e… leggerlo, giuro!

Come la mia sirena Partenope, anche Rosanna è fatta di melodia, di armonia: ho ascoltato le sue “proésie”, declamate da lei e un brivido m’ha colto; superbi i contenuti ma la voce, la sua voce, è lo strumento ideale per diffonderle all’anima di chi ascolta.

Proporrei un recital in tutti i teatri del Paese e – perché, no? – metterei in musica i suoi testi, dal momento che il mondo della musica è un po’ carente di autori e di buone opere, zeppo di nenie, di marcette e di barbose suppliche rap.

Ad un tratto, nell’ascoltare il brano “Sensualità ”, ho chiuso gli occhi e mi è parso di udire l’immensa Mariangela Melato. Struggente suggestione!

La mia “proésia” preferita? “Amore anoressico Amore obeso” , mi ha ricordato gli “umori” di “Afrodita” di Isabel Allende, un best-seller di bella memoria. Ascoltatela, la voce di Diva Proésia, pensando a Partenope, su quella diavoleria ch’è l’audiovox in rete, che contiene ben 52  stupende opere della nostra singolare autrice…

In questo piatto, vischioso, ridicolo ed insulso limbo ch’è diventata la nostra cultura contemporanea, il libro “P’ossessione”di Rosanna Marani è un bellissimo dono da dedicare a coloro cui volete trasmettere, come un omaggio speciale, un degno segno di stima.

Se fosse ancora tra noi, lo regalerei a Romano Battaglia!

Copertina e acquisto

 

Nota:  Alle persone gentili che mi hanno chiesto dove prenotare P’ossessione e acquistarlo … rispondo che possono rivolgersi al mio editore … Vincenzo Ursini. Grazie.

http://www.ursiniedizioni.it/

Ursini Edizioni

Via Sicilia, 26/A – 88060 Santa Maria di Catanzaro.

tel +39.0961.782928

fax+39.0961.782980

e-mail: ursiniedizioni@libero.it

Annunci

Informazioni su Rosanna Marani

@RosannaMarani Per sapere chi sono stata http://it.wikipedia.org/wiki/Rosanna_Marani http://www.storiaradiotv.it/ROSANNA MARANI.htm Per sapere chi sono...chiedimelo Il mio motto Voglio essere ieri fino a quando non saprò chi sarò domani, mentre imparo chi sono oggi!
Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Dicono di me, Divulgazione, Libri, P'ossessione, Poesia, Rassegna Stampa, Ringraziamenti, Segnalazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a P’ossessione Recensione di Marina Salvadore Diva Proésia

  1. Marianna Piani ha detto:

    Commentare una recensione perfetta?
    Del tutto inutile spendere parole, c’è già tutto…

    Già, ma perchè diavolo si dice “spendere parole”, come se fosse anche questo un mercato. Per fortuna (e per disgrazia, anche) le parole sono del tutto gratuite, sono un lascito che i saggi concedono al mondo di chi sa ascoltare, e sono il contrappasso degli stolti che al mondo stanno solo per parlare, blaterare, schiamazzare, dire la loro, senza mai ascoltare.
    Chi ascolta invece è fortunato e privilegiato, perché può cogliere bellezza e conoscenza, che persone come queste donne qui, Rosanna e Marina, dispensano a piene mani. Tutto gratis!
    Io che a modo mio parlo e straparlo, so però tacere per fortuna, quando occorre, e quando incrocio Rosanna so che occorre. Nel silenzio della mente accolgo il suo narrare senza trama (e senza merletti, come giustamente rileva Marina), e ogni volta mi sento cresciuta di un’esperienza.
    A questo “servono” i Poeti, e a questo “servono” i libri di poesia. Non per far salotto. Non per indossare penne da pavone. Non per dar sfoggio di erudizione. Non per sfogare bassi o medi o alti istinti. Non per dar voce a frustrazioni e/o ambizioni. “Serve” per ascoltare e sperimentare. Per ascoltare la voce di chi sa e sente più di noi. E quando per caso una voce poi ci parla dentro, allora saremo esercitati ad ascoltare anche quella.

    La parte dedicata ai “sabba pseudo-culturali” e simili consessi (che io, come sa Rosanna, detesto ed evito come la peste da sempre) e l’accenno centrale alla scrittura femminile, sono da antologia.
    L’analisi della voce specialissima di Rosanna è perfetta. Laddove dice:

    «Proésia canta e scrive solo quel che pensa e vive, senza inganno, senza odiose rime sibilline, senza inutili orpelli lessicali, senza esasperate nozioni di metafisica, senza autocompiacimento»

    è anche una bruciante lezione di stile, ed è il motivo perché io fin dai primi giorni in cui ho incontrato Rosanna Marani, seguo, anzi mi abbevero della sua scrittura, come antidoto potente ai veleni della scrittura inutile e autocompiaciuta, sempre in agguato, sempre pronti a cancellare ogni traccia da Poesia, ma anche di (buona) Prosa e a spalancare le ampie porte del vuoto di senso.

    Come una buona “allieva” comunque mi sono annotata diligentemente questo intervento, punto per punto. Prezioso, come un saggio in miniatura, e per questo densissimo.

    Grazie Rosanna, grazie Marina!

    Marianna

    Mi piace

    • Rosanna Marani ha detto:

      E a te Marianna non dici grazie? Ci si intende tra simili con identico acuto sentire. Io zitta mi beo e mi immergo nelle tue parole e in quelle di Marina.. Per un bagno purificatore .. Come fossi una sirena.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...