Estasi


estasi

Estasi

Estasi

Acquolina

Di midollo

Cruccio

Di desiderio

Uncino

Di piacere

Liturgia

Di corpo

Prece

Di spasimo

Sibilo

Di licore

Arpione

Di inarco

Singulto

Di orgasmo

Alveo

Di seme

Poltiglia

Di urto

Stantuffo

Di respiro

Ululato

Di contraccolpo

Devozione

Di essenza

Estasi

Caos

Nell’ordine

Odio

Nell’amore

Afrore

Nell’odore

Fitta

Nell’esultanza

Imperfezione

Nella perfezione

Morte

Nell’immortale

Vita

Nel mortale

Estasi

Deflagrazione

Di sé

Nell’anima del mondo

Annunci

Informazioni su Rosanna Marani

@RosannaMarani Per sapere chi sono stata http://it.wikipedia.org/wiki/Rosanna_Marani http://www.storiaradiotv.it/ROSANNA MARANI.htm Per sapere chi sono...chiedimelo Il mio motto Possiedo da spendere la sola moneta del mio sono. Ho investito il mio ero e non so se il mio sarò, potrà fruttarmi l'interesse ad essere.
Questa voce è stata pubblicata in Amore, Dedicato, Divulgazione, Emozioni, Poesia, Poesie erotiche, Segnalazione, Sesso e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Estasi

  1. Evaporata ha detto:

    L’ha ribloggato su Evaporata scrittricee ha commentato:
    Di Rosanna Marani

    Mi piace

  2. Cara Rosanna,

    Eh… Io ogni volta che avvicino la tua scrittura mi chiedo dove sta il tuo segreto.

    Lo faccio da lettrice, ma anche – se tu mi concedi questa definizione di me stessa – anche da scrittrice, sia pur tanto diversa da te.
    Tu prosciughi, scarnifichi la frase, il concetto stesso, lasciando, come paletti nel tracciato di uno slalom, nude parole, piantate nel terreno.
    Sembra semplice, ma chi ne sa appena un poco di scrittura si rende presto conto di quanto in realtà sia difficile, invece.
    Occorre spere estrarre il senso da ogni singola parola, non c’è il supporto, i cardini costiituiti dai verbi, e dalla stessa sintassi. Ma non basta, questo da solo non basta, perché altrimenti sarebbe abbastanza semplice, per un giocoliere delle parole come sono io ad esempio, riprodurre, o almeno imitare il tuo stile.
    Occorre anche la certezza, la sicurezza delle proprie scelte, il gusto sicuro di chi senza esitazione coglie esattamente proprio QUELLA nuance di colore – tra un milione – per quel certo colpo di pennello.
    Occorre un senso acuto, spiccatissimo del ritmo e una musicalità innata, perché questo stream non si muti piuttosto in un sighiozzo, in un discorso frammentato, come quello di un afasico, o di un disfonico.

    Come poi tutto questo gioco virtuoso non rimanga un freddo esercizio, e sappia trasmettere emozione, o addirittura – come in questo caso – una travolgente, eccitante sensualità, è un mistero nel mistero. Dipende dalle scelte di gioco tra significante e significato, tra immagine verbale e referente, forse, come qui questo oscillare orgasmico, in parole calde, bollenti (singulto, stantuffo, ululato, spasmo, afrore…) in un crescendo parossistico, fino alla catastrofe finale (“deflagrazione”) che ci trascina dentro una analisi, quasi radiografica, ma nello stesso tempo direttamente partecipata di un coito, lasciandoci esausti, alla fine, ansimanti.
    Non c’è concessione, in “questa” Rosanna, al romanticismo, all’aura, o alla finzione della spiritualità dell’atto d’amore. Qui l’atto è sessuale, nella sua interezza, e nella sua inspiegabile assoluta bellezza. Tanto da lasciarci eccitate, desiderose, accese…
    Altro che “sfumature di grigio” (pessima pseudo-letteratura), altro che mercantile e vuota pornografia.
    No, amiche e amici, ammirate Rosanna, ma non provatci neppure, ad imitarla!

    Un abbraccio, e, sensualmente, anche un bacio, permettimelo.

    Tua
    Marianna

    Mi piace

    • Rosanna Marani ha detto:

      Sacripante! Sacripantissimo! Io riuscirò a denudare la parola.. Ma tu denudi la mia stessa ispirazione con una capacità analitica incisiva come un bisturi ! E’ esattamente come descrivi la successione delle emozioni che spremo nel mio sentirle. Le afferro con la percezione, le vivo ad occhi chiuse e le afferro per incollarle alla scrittura. Ma sono loro che mi chiamano, che mi svegliano e devo essere lesta a descriverle. Perché passato l’attimo non sarei capace di ricordare. Grazie Marianna, tu hai l’abilità di rendere quella tessera di me stessa incasellata nella poesia.. a me stessa. Ps Il bacio e’ arrivato intatto!

      Mi piace

  3. Rosanna Marani YouTube ha detto:

    Mi piace

  4. Rosanna Marani ha detto:

    L’ha ribloggato su L'Orto di Rosannae ha commentato:

    Amare d’amore è estasi. Deflagrazione di sé nell’anima del mondo.

    Mi piace

  5. Rosanna Marani ha detto:

    Giuseppe Padovano: Incredibilmente Bella…..Complimenti, Rosanna Marani !!!
    Grazie Giuseppe Padovano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...