Vai Giulia vai


   

Eccolo qua il momento tanto temuto, allontanato come fastidioso nel pensiero di tanti dormiveglia, è arrivato..

Sembrava così lontano quando sei nata, piccola bambolina dagli occhi liquidi.

Sembrava soltanto una remota possibilità, l’andamento lento e inesorabile del tempo: io non sarei mai invecchiata, tu non saresti mai cresciuta.

D’altronde tu stessa, Giulia, affermavi solenne quando ti domandavano cosa avresti desiderato fare da grande. “Io non voglio diventare grande!!!”

E’ successo e meno male, che di bambine vecchie è pieno il teatro del ridicolo.

Anche di vecchie bambine, non c’è dubbio, ma forse loro il ridicolo, non lo avvertono.

Stemperano ricordi, rimpianti, tenerezza e nostalgia nei sospiri, mentre i lucciconi si asciugano da soli, sulle gote puntute e avvizzite.

Il grugno di tristezza diventerà un sorriso.

Col tempo.

E sfumando la memoria e vedendo la figlia fiorire adulta per bene, il cuore non fa più male. Ad una mamma.

A me rimane appiccicato addosso, il tuo splendore.

Buona vita Giulia, ora al triciclo hai tolto una ruota.

Annunci

Informazioni su Rosanna Marani

@RosannaMarani Per sapere chi sono stata http://it.wikipedia.org/wiki/Rosanna_Marani http://www.storiaradiotv.it/ROSANNA MARANI.htm Per sapere chi sono...chiedimelo Il mio motto Possiedo da spendere la sola moneta del mio sono. Ho investito il mio ero e non so se il mio sarò, potrà fruttarmi l'interesse ad essere.
Questa voce è stata pubblicata in Amore, Annotazioni, Diario, Divulgazione, Editoriali, Emozioni, Figli, I miei cari e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Vai Giulia vai

  1. Cara Rosanna….
    mi fai tanta ammirazione e tanta tenerezza….
    sento nelle tue parole l’orgoglio di una mamma…e ne hai ben donde, perchè Giulia è una splendida creatura…..e la tristezza, composta ma evidente, di chi si rende conto che l’inevitabile momento del distacco è arrivato!!!
    Quanta sensibilità!!!! Rosanna…..tu sei sicuramente una donna fortunata…ma dì pure a Giulia, da parte mia, che ha una mamma buona come il pane: crostoloso fuori ma eccezionalmente tenero dentro!!!!

    Mi piace

  2. Ciao Giulia poesia, sensibilità,tristezza affettuosa,da dove esce questa mamma che sa essere tale e non un mammone? Hai saputo educare la tua Giulia con intelligenza ed affetto, puoi essere certa Rosanna, che Giulia sarà a sua volta una mamma che saprà cogliere gli attimi importanti, difficili della sua prole. Ho la sensazione nel leggere la poesia di amore, che quasi tu abbia dato un tocco importante al corpo e alla mente di tua figlia, che avrà quel tocco quale “vestito” di vita. Viva te che hai saputo costruire un percorso e auguri a tua figlia. Alfredo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...