Quarto libro 14°Lettera Alla cortese attenzione della angoscia


Alla cortese attenzione della angoscia

Mi manca l’aria.

Annaspo, odoro ossigeno ma la zaffata è anidride carbonica.

Mi manca il fiato.

La gola è secca, la saliva azzerata. Non una bava ammorbidisce la lingua.

Respiro veleno.

Allora chiudo gli occhi, mi raggomitolo.

Tendo le mani al cielo, ma le mani scappano come staccate dal mio corpo.

La mia pelle è a pezzi, sbrindellata.

Signora angoscia, non posso darle del tu, ma devo tenere le distanze. Da lei,  con il lei.

Troppo aborrita, per avvicinarla con un tocco di intimità.

Lei è crudele, una sciarpa, un nodo scorsoio, che mi impicca poco alla volta, tale comprova del suo efferato sadismo.

Cerco il grembo di mia madre.

Mi sento feto, una incompiuta burattina, creata da un artigiano maldestro.

E una nenia mi assorda.

Perché esisto? Cosa sono? Chi sono? Chi, cosa siamo?

Perché siamo? Perché esistiamo?

Viviamo senza domandarlo. Ci conosciamo. Ci amiamo. Ci odiamo.

Nasciamo e moriamo.

Soli e insieme. Insieme e soli.

Sentimenti di pentimenti. Odio. Aspirazioni, ambizioni, crudeltà, amore, avarizia generosità.

Il motivo, voglio sapere il motivo! Le ragioni, voglio sapere le ragioni!

Qualcuno me lo dica, me lo spieghi. Lo pretendo!

Chi ha concesso il permesso affinché venissi al mondo? I miei genitori a chi l’hanno domandato?

Non volevo, non lo desideravo. Non lo sapevo. Non lo cercavo.

Perché? Perché? Perché?

Che ci devo fare qui in mezzo a gente che non mi va a genio, che puzza, che mente, che mi sfiora, che mi ferisce, che non mi capisce, che mi passa oltre ?

Che mi sta a pelle, antipatica?

Che detesto, che disprezzo?

Cosa ho in comune con l’umanità?

Sono umana?

Occhi e sguardi spenti, teste chine, culone sui tacchi a spillo di prima mattina che caracollano, a destra sinistra. Che mi spaventano.

Sono il mio specchio?

Non voglio essere toccata da queste culone.

No, no, no, non siamo della stessa razza, della stessa genia.

E questi uomini profumati che lasciano una scia di feromoni mischiati alla lavanda, che si incipriano più delle donne con lo stivaletto figo?

Chi sono?

Che ci faccio in questo mondo? Quale è il mio compito? Il mio ruolo, in questo mondo troppo marcio, impregnato di troppa crudeltà?

NO NO NO NO

Non ci sto.

Scappo, si ho deciso scappo. Mi trasformo in un albero. Voglio diventare prato.

Non voglio la coscienza. No.

Signora angoscia, se ne vada a nero e mi prenda con lei. Così la facciamo finita.

Se fossi stata nulla, nel niente avrei patito il niente del nulla.

E’ una violenza subita, la nascita. E’ una liberazione desiderata, la morte.

Il cavo tirato dal campanile della nascita al campanile della morte oscilla.

Piccoli passi o grandi falcate occorrono per attraversarlo?

Tanto si sa, che la caduta sarà inevitabile.

Stringiamo nel pugno il nostro inizio, mentre l’oro di lei signora angoscia, quello che ci regala beffarda, a nessun calore di sentimento si disfa, si liquefa.

Voglio, esigo il buio per non vedere, per non pensare, per non sentire.

Per non parlare, per non chiedere, per non rispondere.

Per non respirare lei, signora angoscia.

Sono i suoi artigli, i mille punti fosforescenti vigliacchi si insinuano come spilli, sotto le mie palpebre serrate.

Sono i suoi graffi, le mille insegne, che intermittenti accecanti, ballano nella mia mente e la dannano.

Datemi un sorso d’acqua per questa sete di sapere.

Offritemi un piccolo sorriso per questa ansia di capire.

Accendete voi saggi, una saggezza e forse l’angoscia, lei signora angoscia angosciante, sparirà nella consuetudine di giornate rassegnate a rimanere senza risposta, che si inanellano l’una con l’altra, esultanti o depresse.

Potrò rinchiuderla in cantina o buttarla sotto i piedi di chi vendemmia la paura e i chicchi di fede.

Senza carità, gioia del piccolo dovere compiuto.

Per batterla, signora angoscia, per sfinirla, per finirla con un colpo letale e sconfiggerla, occorre esaltazione.

Occorre forza d’animo, occorre ubriacarsi di piacere. Occorre dimenticare.

Poiché la luce faro che lei abita, non mi conduce al porto sicuro, mi sbatte direttamente sugli scogli.

Rifiuto di fiatare, quando lei mi attanaglia i ventricoli e li pompa in disordine affrettato. Divento trasparente, per non soffrire i contorni del mio viso, del mio corpo.

Li sfioro per ritrovarli, per ritrovarmi. Mi guardo allo specchio. Riflette stralunati, alterati connotati.

Mi sono nuovamente perduta.

Nei vicoli scuri dove il magma umano traspira, attendo come una liberazione da lei, signora angoscia odiata, temuta, paventata, l’opera di Jack Lo Squartatore .

Resto immobile, mentre la cadenza dei suoi passi, che agogno, dovrebbe obbligarmi a cercare scampo.

Se volessi vivere, se potessi vivere, senza la sua mano, signora angoscia, che ovunque mi insegue.

I miei, sono passi da gigante di pietra, quando lei mi tiene per le palle, sono come tumulti che mi strozzano la voce che non ha suono alcuno.

Neppure un fischio di aiuto sa emettere. Solo un sibilo di terrore.

Sono infilzata con la capocchia dello schidione alla mia compagnia indesiderata di lei, signora angoscia.

Mi avverto come una noctula con ali gigantesche. Inutili al volo.

I miei colori sono ad acqua che inzacchera la pozzanghera di fango che schizza sul mio abito. Una tonaca dai colori, toni sfumati.

Dai rossi, si passa ai violetti, poi all’arancio. Infine ai neri più cupi.

Lei, signora angoscia, riesce a dilaniare una mia metà.

Sono una sua preda, come è vittima designata quella che si domanda e che si interroga.

L’altra, la parte del vivere, no, le sfugge, si aggrappa ad un fiore, ad una nuvola, ad un tramonto, ad una nota, ad una rondine, ad un cucciolo, ad un bambino, per fuggirle lontano e procedere spedita, beffandola, dileggiandola. Irridendola.

Per afferrare saldamente un appiglio di esistenza, per continuare la corsa su quel filo teso dal campanile all’altro.

Senza avere la certezza di trovare un rimedio che mi costringa a rivedere le mie posizioni.

Solo fede. Speranza. O solo amore?

Allora una gratificazione minima, signora angoscia, anche piccina mi può aiutare a pestare il cadavere del mio oggi ed a cullare il neonato del mio domani.

Le volto le spalle. Alla nuca sento un grifagno, rapace, tocco unghiuto che tira i nervi allo spasimo della mia insicurezza.

Nervi che guizzano per non farsi trapassare.

Faccio bene? Faccio male? Faccio giusto? Faccio sbagliato?

Si, lei signora angoscia, è dentro ogni mia decisione.

Che può diventare irrevocabile, foriera di vita o portatrice di morte.

Mi pare, rialzando la testa e la mente, di aver trovato l’uscita!

Non so, però, se rammento l’entrata.

Mi disperdo nella marea anonima.

Nella massa di fiamme che caduche attendono, fanno l’autostop a Caronte.

Le guardo, mi vedono. Le osservo, continuano il loro andare oltre.

Eppure siamo insieme nella stessa bolla d’aria. D’atmosfera.

Sconosciuti noi, ma con etichette di plus valore a girocollo, identici come funzione anche se diversamente atleti.

Gli ostacoli rovinano a terra.

Il salto troppo corto mi fa lancinare la volontà.

Ancora, ancora, ancora lei, signora angoscia.

Un cruciverba, un anagramma, una ricerca di parole senza le vocali o senza le consonanti.

Mancanti solo quelli pari.

Caselle bucate, nel foglio, senza dispari.

Ho perso la matita per scrivere, per occupare quelle caselle con senso compiuto.

La memoria mi falla.

Sono interrogata da lei, signora angoscia.

Giuro ho studiato, mi sono preparata a dovere, ma non so darle replica.

Le chiedo pietà, le chiedo perdono, questa volta me la faccia passare liscia, signora angoscia, maestra insuperabile di procurata sofferenza.

Mi dia pace, mi lasci dormire.

Prenderò ripetizioni, ritornerò a sostenere questo esame.

Lo giuro. Ora, mi faccia rimanere nell’angolo, dietro la lavagna.

Sono incorporea, invisibile al gioco, alla allegria, all’ottimismo.

Sono solo sua, signora angoscia.

Mi pare di sentire che lei si sia chinata. Sdraiata addirittura! Acquattata nella mia fibra!

Anche lei, lo sappia, che mi giudica, sarà giudicata.

Anche chi mi angoscia, sarà angosciato.

Senza consapevolezza, spellata della carne viva, io, vagabonda e zingara, aspetto la carità di una monetina di vita, di entusiasmo di vita per comprarla, signora angoscia e buttarla, nel bidone della spazzatura, che fa bella mostra di sé sulla strada.

Che diventerà per lei, buia, sempre più buia, buia, buia.

Fino ad inghiottirla, signora angoscia, magari per il mio sempre, quello che mi avanza del mio tempo.

Quando sarò pronta a sfidare i suoi occhi.

E il suo sguardo, signora angoscia, mi trapasserà senza inghiottirmi.

Alla cortese attenzione è un libro di lettere che ho scritto nel 1976, mai pubblicato…


Advertisements

Informazioni su Rosanna Marani

@RosannaMarani Per sapere chi sono stata http://it.wikipedia.org/wiki/Rosanna_Marani http://www.storiaradiotv.it/ROSANNA MARANI.htm Per sapere chi sono...chiedimelo Il mio motto Voglio essere ieri fino a quando non saprò chi sarò domani, mentre imparo chi sono oggi!
Questa voce è stata pubblicata in Alla cortese attenzione, Bibliografia, Divulgazione, Emozioni, Libertà, Libri, Riflessioni, Rispetto per la vita, Segnalazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Quarto libro 14°Lettera Alla cortese attenzione della angoscia

  1. Ombre in assalto in su la via, pronte a veder curiose del destino d’altre, senza mirarsi bene, quando tramonta luna e manca argento, or pronte al riflesso, spegnere ogni morbosità,quando distese su l’asfalto or lunghe o corte, l’ombre, non si vedon più perch’esse angosce.

    Mi piace

  2. Carissima Rosanna……
    continuo a domandarmi e a domandarti perchè non hai mai pubblicato questo libro di lettere!!!!
    Ho letto questo brano tutto d’un fiato….e le tue parole mi hanno tenuto incollato ad aspettare che saltassi fuori dallo schermo…..Che altro dirti, mia cara e illustre amica…..se non che “è bellissimo!” ???

    Mi piace

  3. Forse il mio tempo..allora era da capire.. da vivere.. in fretta. Ora…invece il mio tempo è..da percepire….e costruisco un ponte tra.. allora ed ora…mettendo in ordine.. il disordine di.. carte.. emozioni …..accumulate nel corso della mia vita. Grazie per il tuo apprezzamento.. mi conforta…

    Mi piace

  4. cloem64 ha detto:

    Cara Rosanna ma dimmi…per scrivere questi stati d’animo vuol dire che li hai vissuti sulla tua pelle? Perché io che li vivo è così che li descriverei…ma non ho il tuo dono.Grazie Dea delle emozioni!

    Mi piace

  5. Si.. la mia pelle è piena di cicatrici.. alcune risanate.. altre mostrano cheloidi….Grazie a te…. che mi leggi e mi capisci…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...