Scriverò ti amo


Scriverò ti amo

Scriverò ti amo sui muri di Milano, con la bomboletta di vernice spray, per rendere gaia la mia città

Il mio ti amo

Scriverò ti amo sulle ali delle rondini perché lo innalzino nell’arcata dell’universo

Il mio ti amo

Scriverò ti amo nei fondali marini

sulla coda dei cavallucci perché lo liberino in quella profondità

Il mio ti amo

Scriverò ti amo sulla corolla delle stelle alpine perché i petali lo dicano alla terra

Il mio ti amo

Scriverò ti amo sulla roccia della vetta più alta di una montagna perché diventi eternamente fossile

Il mio ti amo

Scriverò  ti amo in una carta d’amore che infilerò in una bottiglia perché il mare lo porti nel suo paradiso blu’

Il mio ti amo

Scriverò ti amo sull’ululato del lupo perché lo racconti alla luna che lo rifletta nell’arcobaleno

Il mio ti amo

Ma non scriverò ti amo sulla sabbia

Mai

Una onda potrebbe cancellarlo

Il mio ti amo

Annunci

Informazioni su Rosanna Marani

@RosannaMarani Per sapere chi sono stata http://it.wikipedia.org/wiki/Rosanna_Marani http://www.storiaradiotv.it/ROSANNA MARANI.htm Per sapere chi sono...chiedimelo Il mio motto Possiedo da spendere la sola moneta del mio sono. Ho investito il mio ero e non so se il mio sarò, potrà fruttarmi l'interesse ad essere.
Questa voce è stata pubblicata in Amore, Divulgazione, Emozioni, Libertà, Poesia, Riflessioni, Rispetto per la vita, Risposte, Segnalazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Scriverò ti amo

  1. abbaschia ha detto:

    Meravigliosa a video raccontata,divulgata,sentita;martello con incudine far botto ancora a ferro caldo,scotto,mi brucio;indietro il mio ritiro,guardo lo specchio cercando la mia lingua che non vedo per voler anchio fare lo stesso, m’affanno al fiato ,come in brutto sogno per non poterlo dire anch’io quanto tu dici con quella di tal forte forza e allora mi rassegno e quanto al dirlo;or solo io lo penso a quanto detto.

    Mi piace

    • Rosanna Marani ha detto:

      Meno male che a lei messere son piaciuta, mentre declamavo da sprovveduta l’elisir ..della.. cicuta! Ho intenzione di continuare.. di dare voce e volto al…mio dell’anima sfiatare. Se lei è solo a pensare..a quanto detto,beh, ahimè io ci provai, allora, ma mi fu contraddetto!

      Mi piace

  2. abbaschia ha detto:

    Ad usignol di certo non tempo mancherà di darsi al canto,di stazionare ove intrecci d’edera avvinghiati come corpi amanti disegnano nell’aree boschi quanto l’amore chiede con palmate dita a carezze e parolar sibili nel vento, non come di Circe fluido ma d’amar amor di quello vero che pochi ne sanno desiderio,misero me per non poter godere di quelle foglie e canto, di dolci care le parole poi che tempo del vasaio ha cotto al forno e dura creta non può più rinvenire come con amor trascorso e a cocci leso.

    Mi piace

  3. Rosanna Marani ha detto:

    Mi spiace gentile cavaliere che si perda le note più vibranti dei miei di usignolo canti …che le domandai invero di fare con me un duetto di molti vanti….ma lei mi disse ah me lasso che il cuor mio non puote….lei butto’ il sasso che come un masso sconvolse i miei pensieri, allontanando anche quelli più neri. or la strada è spianata al vasaio che tolto della solitudine il saio, con me voglia non i cocci raccogliere, di schegge mocci, ma plasmare di sentimento che si avverte a naso, il più d’amore bello, pieno, vaso!

    Mi piace

  4. abbaschia ha detto:

    Scalpellino s’adopra alle bianche di braccia di Carrara e picchetteggia e cerca in piege come migliorarne il tratto, a colpi bassi ,alti sonori bassi,forti andanti o lenti, alla ricerca di migliorarsi al bello e per bella la venere figura far risaltar al vero bianco che la raffigura;lava.Risalta,candida schiuma viva come di mare a piaggia lenta, mare. Anche s’ancor grezza,lo scalpellino liscia le membra a cartavetra, la soffia per crearne lucentezza, con l’alito l’appanna perchè fredda a volere trasmettere a quell’anima il suo calor d’immenso, quanto l’ama.
    Questo puote solo scalpellino,solo alla beltate superficie e bianca; incidere con colpi repentini,farla tremare tutta..!! perchè trema.. ma oltre non può non vuole;scalpello è grossolano, : non è lama di chirurgo d’uso quando s’adopra arrivare fino al core; lontano deve stare suo scalpello ,lontano dalla sfera a massa bella, non può rompere figura per capriccio, non può neanche infliggere lancio di scalpello ad un Mosè,perchè essa d’amore freme al mattinier risveglio, del suo gallo, al grido e al canto.

    Mi piace

  5. Rosanna Marani ha detto:

    Poesia Scriverò ti amo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...